I pomodori col riso

In questi giorni ho tantissima nostalgia dei piatti che mangiavo da bambina, sicuramente tutte voi Amiche, ricorderete i vostri piatti preferiti che la mamma o la nonna vi preparavano sapendo che vi sarebbero piaciuti moltissimo. Ora siamo cresciute e siamo noi che cuciniamo i piatti che i nostri cari preferisco, eppure in questi giorni la nostalgia delle cene, di quando ero bambina, sulla terrazza della casa a Roma, mi hanno fatto venir voglia di rimangiarne alcune di quelle pietanze. E’ per questo che vi presento uno dei piatti che preferivo in assoluto i pomodori col riso, che magari non è più di moda e che sicuramente sarà “superato”, ma è talmente caro alla mia memoria culinaria e non che dopo tanto tempo ho deciso di rifarlo. Ditemi voi cosa ne pensate di questa ricetta… Amiche Mie aspetto i vostri commenti, per poterne parlare insieme ok??

INGREDIENTI:
le dosi sono per 10 pomodori.
– 10 pomodori l’ideale sarebbero quelli riso che sono molto grandi, ma io ho usato dei pomodori ramo e il piatto è venuto ottimo lo stesso.
– 1kg di riso, quello che vi piace di più, ma attenzione dovete scegliere il riso che mantiene meglio la cottura.
– 1 bottiglia di passata di pomodoro.
– 3 patate grandi oppure 4 medie.
– 1 spicchio d’aglio.
– Olio evo, sale, pepe, origano e basilico fresco.
– acqua

PROCEDIMENTO
Lavare i pomodori, tagliare la parte superiore come se doveste fare un coperchio e metterla da parte. Quindi scavate i pomodori mettendo i semi in un recipiente capiente; mettere a scolare il pomodoro capovolto dopo averlo salato al suo interno. Ripetere il procedimento per tutti i pomodori, quindi frullare tutti i semi dei pomodori dopo aver aggiunto sale e origano abbondanti, con un frullatore ad immersione. Ora aggiungere la passata di pomodoro e l’olio, lo spicchio d’aglio tagliato a fettine sottili o tritato, se necessario aggiustare di sale pepe e origano e mescolare bene il tutto. Quindi versare nel composto il riso e amalgamare bene per fare insaporire, aggiungengo abbondante acqua per consentire al riso di cuocere. La quantità di acqua dipende fondamentalmente dalla varietà di riso scelto e da quanto sono sugosi i pomodori, pertanto non posso darvi la quantità precisa :((.
A questo punto sbucciare le patate, lavarle e tagliarle a stecchino e versarle nel riso condito per farle insaporire. Ora riempite i pomodori e metterli in una teglia preventivamente oleata. Dopo aver finito di riempire i poodori coprirli, col coperchio fatto coi pomodori che avete messo da parte, e versare il resto del riso con tutte le patate nella teglia. Se necessario usare un’altra teglia.
Scaldare il forno e infornare le teglie, cuocere a 175° fino a che il riso non è cotto. La caratteristica di questo piatto è che può essere servito caldo, tiepido o freddo……….. provateli in tutti i modi e ditemi quale preferite.
Questo piatto sempre e comunque mi fa dire GNAM GNAM GNAM!!! :))

var addthis_config = {“data_track_addressbar”:true};
//s7.addthis.com/js/300/addthis_widget.js#pubid=ra-522c9ac24d382992

Ricetta quiche con prosciutto cotto e piselli

Eccomi qui per una ricetta salata per la precisione una torta salata. Una torta ispirata alle mie vacanze in Francia esattamente alla montagna della Savoia che amo tanto, una torta che in modo similare trovavo nelle Boulangerie dove l’olfatto veniva inebriato di sapori e la vista colpita da forme colori e ingredienti in apparenza semplici, ma che uniti insieme dava un senso di allegria e di buonumore così profondi che non si riusciva mai ad uscire da una Boulangerie senza aver comprato nulla :))

Sabato sera in una cena con parenti ed amici ho proposto questa quiche che pensavo come poter realizzare mentre facevo la spesa e alla fine pensa che ti ripensa ho deciso di usare prosciutto cotto e piselli….. bè devo dire che era proprio da GNAM!!

Dopo la foto trovate come sempre gli ingredienti e il procedimento.

INGREDIENTI
-1 confezione di pasta brisè
– 150gr di prosciutto cotto tagliato a dadini
– 150gr di piselli
– 100 gr di mousse di latte, va benissimo anche la ricotta di latte di mucca
– 2 uova
– sale e pepe a piacere

PROCEDIMENTO
Cuocere a vapore i piselli, quando sono cotti farli freddare un poco per non cuocere le uova, nel frattempo rivestire una teglia con la pasta brisè, più è piccola la teglia più alta verrà la nostra quiche, ma attenzione andrà cotta un po’di più. Dopo aver disposto la pasta nello stampo facendo attenzione ad avere i bordi dello stampo ricoperti di pasta, quest’operazione serve per evitare che la farcitura fuoriesca; vi consiglio di fare quest’operazione quando la pasta non è molto calda, altrimenti i bordi si adageranno sul fondo. Ora in una terrina amalgamare bene il prosciutto cotto, i piselli, il sale, il pepe e la mousse di latte (o ricotta), per ultime aggiungete le uova e quando il composto sarà bello omogeneo versatelo nella pasta brisè, quindi ripiegate i bordi sul composto e infornate già caldo a 170° per ½ ora… lasciate la torta per 5/7 minuti in forno dopo averlo spento, servite tiepida o fredda e………………. GNAM!! :))

var addthis_config = {“data_track_addressbar”:true};
//s7.addthis.com/js/300/addthis_widget.js#pubid=ra-522c9ac24d382992

I biscotti golosi con noci ed uvetta

Care Amiche Mie, l’altro giorno ero in compagnia di una bambina a me molto speciale e me  molto cara e mi ha chiesto di fare dei biscotti… i biscotti che abbiamo fatti sono stati definiti da lei stessa i biscotti golosi, e ve li voglio presentare, sono dei biscotti con noci e uvetta, ma possono benissimo essere impreziositi sia di gusto che di aspetto con ciò che più si preferisce.
E ora foto, ingredienti, procedimento e …. GNAM!! Sono davvero golosi questi biscotti ;))

Ingredienti
– 500gr di farina 00
– 150gr di zucchero
–  2 uova intere
– 100gr di latte
–  Una bustina di lievito per dolci
–  100gr di olio di semi (io ho usato quello di girasoli)
–  100gr di noci
– 100/150gr di uvetta a seconda di quanto li si vuole dolci

Procedimento
mettere in una terrina la farina, lo zucchero, l’olio, le uova intere, il lievito e il latte e mescolare il tutto fino ad ottenere un impasto morbido che va poi fatto riposare per 15 minuti. Quindi lavorare bene la pasta e aggiungere le noci spezzettate e l’uvetta. Stendere l’impasto ottenuto con il mattarello fino a raggiungere lo spessore di circa 1cm e dare la forma che più si desidera oppure aiutatevi con cutter o formine per dolci che preferite io ho usato i cuori su richiesta della bimba :))
A questo punto foderare di carta da forno le teglie e informare a 160° per 15 minuti.
Lasciare riposare per 3/4 minuti in forno dopo averlo spento, sfornare servire freddi e…… GNAM!!

var addthis_config = {“data_track_addressbar”:true};
//s7.addthis.com/js/300/addthis_widget.js#pubid=ra-522c9ac24d382992

I draghi, le fiabe e la vita

Essere positivi non è sempre facile, anzi a volte è proprio difficile. Ci sono dei momenti in cui non si vorrebbe vedere, nè tantomeno percepire tutti i problemi che ci sono al mondo. Come è possibile che la vita sia sempre così difficile e pesante, come è possibile che i problemi sembra che si ingrandiscano a profusione quasi fossro vittime di una virtuale reazione a catena. Soprattutto in questo periodo storico ed economico, queste sono le frasi che ci nascono dal cuore e dallo spirito, e il desiderio di abbandonarsi ad esse è sempre più forte e prepotente, sicuramente anche a voi capiterà di pensare questo e vorreste distaccarvi dai problemi che a volte sembrano insormontabili. Un giorno odioso, un giorno che era nato proprio male e pensavo sarebbe finito anche peggio, in cui tutto avevo voglia di fare tranne che di sorridere alla vita, mi sono imbattutta in un frase, una frase stupenda, che mi è piaciuta talmente tanto, che penso ne farò un bel quadro da leggere e rileggere, in quei giorni in cui tutto va storto fin da quando si aprono gli occhi,  fino a quando il potere di queste parole mi toglieranno quel senso di sconfitta che inevitabilmente a volte mi e ci coglie impreparati. Ma voglio tenerla presente anche nei giorni pieni di forza e di gioia, perchè questa è una di quelle frasi che ti aiutano a ribaltare il mondo da orrendo a meraviglioso.
Chesterton mi ha insegnato che le fiabe non insegnagno ai bambini che i draghi esistono, loro lo sanno già che esistono. Le fiabe insegnagno ai bambini che i draghi si possono sconfiggere. E quindi pensando e ripensando a questa frase non posso non fare l’associazione che i problemi della vita sono come i draghi delle fiabe che leggevamo da piccoli, quelli si sconfiggevano sempre, e la storia finiva con un bellissimo… e vissero per sempre felici e contenti. Pensare che nella vita reale si possa sempre vivere felici e contenti è abbastanza utopistico, ma pensare che i draghi della nostra vita possono essere resi innoqui o essere messi sotto controllo, questo si che è davvero realistico, ma cosa più importante è perfettamente fattibile! Quindi il lavoro che bisognerebbe fare ogni giorno su noi stessi, è lavorare per rendere sempre più innoqui questi draghi sputafuoco. Eh lo so non è per niente facile, e voi mi direte chi pensi di essere tu per fare questa scoperta dell’acqua calda? Nessuno, io penso solo che ogni giorno abbiamo a che fare con situazioni che spesso ci spaventano, e ci spaventano così tanto da non riuscire a fare nulla per prendere in mano la situazione e cercare un rimedio reale e positivo a questa cosa. Quindi se consideriamo le circostanze negative della vita come dei draghi da sconfiggere…. magari possiamo trovare dietro il drago due cavalieri scintillanti che vengono in nostro soccorso e questi cavalieri si chiamano Volontà ed Ottimismo. Volontà per vedere la vita sotto altri punti di vista e ribaltare le situazioni a nostro favoro, e Ottimismo perchè i draghi come i problemi, hanno sempre un punto debole da attaccare e da sconfiggere.

Foto presa da Facebook

 

 

var addthis_config = {“data_track_addressbar”:true};
//s7.addthis.com/js/300/addthis_widget.js#pubid=ra-522c9ac24d382992

Biscotti cocco e cioccolato leggeri all’olio

Biscotti cocco e cioccolato
Biscotti cocco e cioccolato

Questi biscotti al cocco e cioccolato sono buonissimi ed essendo preparati con l’olio risultano anche molto leggeri.

I biscotti sono uno tira l’altro, io li preparo spesso, e mi piace ogni volta cambiare ricetta. In genere parto da una ricetta base che modifico, aggiungendo o sostituendo gli ingredienti per la farcitura.
Piacciono a tutti e sono adatti ad un pomeriggio uggioso da passare fra amici oppure per la colazione o merenda, ma anche per un dopo pasto goloso. In effetti si possono mangiare in qualsiasi occasione  ed in qualsiasi momento del giorno. Fra l’altro esistono infinite ricette per prepararli.

Un paio di curiosità sul biscotti:

La parola biscotto deriva dal latino panis biscotus, significa pane cotto due volte fanno la loro comparsa fin dal X secolo. Anticamente erano preparati esclusivamente col miele (a me piacciono moltissimo fra l’altro i biscotti al miele), totalmente cotti in forno, in modo da perdere quasi ogni traccia di umidità. Queste erano le due caratteristiche che permettevano di conservarli anche per lunghi periodi. Solo recentemente il miele è stato sostituito dallo zucchero.

Lista della spesa

  • 100 g di zucchero semolato
  • 400 g di farina 0
  • 100 g di farina di cocco (il cocco a  scaglie)
  • 80 g di olio di semi
  • 1/2 tazza di latte
  • 3/4 di bustina di lievito per dolci
  • Gocce di cioccolato fondente quante ne raccoglie l’impasto
  • Zucchero a velo q. b.

 

Cuciniamo

  1. In una ciotola mettete tutti gli ingredienti e impastate fino ad avere un  impasto compatto.
  2. Rovesciarlo su una spianatoia.
  3. Lavorare l’impasto a renderlo omogeneo.
  4. Fare delle palline della stessa grandezza.
  5. Posizionarle distanziate su una teglia precedentemente ricoperta con carta da forno.
  6. Infornate a forno preriscaldato a 180°C per 15 minuti.
  7. Passati i 15 minuti sfornate i biscotti.
  8. Spolverizzarle di zucchero a velo.
  9. Servire fredde

Buon Appetito !!