Uova al pomodoro con bietole al vapore

Ooohh questa è proprio una di quelle ricette che mi ricordano la mia infanzia, qui con me ci sono i miei a coccolarmi care amiche mie, poiché lo scorso mercoledì ho avuto un intervento di tiroidectomia totale… e giustamente ora mi godo la convalescenza :)) …… fa sempre piacere a tutti essere coccolati, ma quando le coccole ti riportano alla tua infanzia allora è proprio bellissimo, nonostante il periodo di convalescenza.
Vi dirò quest’esperienza è stata davvero meno forte di quello che pensavo, ma non voglio angosciarvi con i particolari… l’unica cosa che vi dico è non sottovalutate gli effetti collaterali che possono verificarsi per un mal funzionamento della tiroide, ogni tanto quando fate le analisi generali, chiedete al vostro medico di controllare anche gli ormoni tiroidei, è meglio sempre avere tutto sotto controllo o almeno provarci ^^.
Ma parliamo di argomenti decisamente più allegri!! ……….. una delle mie coccole come vi dicevo mi ha ricordato la mia nonna e il mio prozio, sto parlando delle uova al pomodoro.
Mi ricordo che era un piatto che adoravo da bambina e ancora oggi quando le mangio provo sempre la stessa sensazione di sorpresa a sentire l’accostamento di questi due sapori :))
Un piatto proprio veloce e leggero volete sapere come si fanno? …… dai andiamo a vederlo!!
INGREDIENTI
– 2 uova a persona
– passata di pomodoro
– qualche foglia di basilico
– olio evo
– 1 bel mazzetto di bietoline
– sale e pepe
PROCEDIMENTO
Pulite e lavate le bietoline cuocetele al vapore e conditele con olio evo, sale, pepe e se vi piace dell’aceto, il massimo è la glassa d’aceto 😉
Queste sono le dosi per le uova 3 per persone: versate in un pentolino un cucchiaino d’olio evo e meno di un terzo di passata di pomodoro con qualche foglia di basilico spezzettata a mano e un po’ di sale, come diceva mia nonna il sughetto deve cuocere piano piano……. Ricordate piano piano questo tipo di cottura è fondamentale per l’ottima riuscita del piatto.
Cotto il sugo aggiungete le uova e girate con un mestolo finchè le uova non si cuociono, girate sempre, un po’ come fareste se steste facendo la crema pasticcera, non devono attaccarsi!!
Cotte le uova servitele calde.
Allora che ne dite vi piace la ricetta di mia nonna??? …… a me sempre oggi come quando ero una bimba …… buon appetito :))

Pasta con broccoli stracchino prosciutto cotto e uvetta e zafferano

 

Amiche Mie oggi è il 1 ottobre e sono felicissima perché oggi è iniziato uno dei miei mesi preferiti, sarà che è il mese del compleanno del mio maritino, sarà perché il cielo d’ottobre è secondo me uno dei cieli più belli in assoluto, ma ricordo ancora le meravigliose passeggiate nella mia Roma con questo cielo limpido, di un azzurro così intenso da mozzare il fiato a vederlo come sfondo ai meravigliosi monumenti romani.
Ehhh Che ricordi!!
Veniamo a noi e a questo primo piatto che mi è venuto in mente entrando in cucina stamattina e vedendo alcuni ingredienti in frigorifero e in dispensa.
Dovete sapere che moltissime delle mie ricette nascono in questo modo, aprendo il frigo e vedendo cosa posso preparare, mi si stampa nella mente l’immagine di un piatto che possa essere antipasto, primo, secondo, contorno o dolce e partendo da un piatto finito inizio a scomporne il gusto e il profumo nella mia mente, ricorrendo alla mia memoria fatta di odori e sapori, e i cibi e le spezie iniziano a delinearsi e posso iniziare a “comporre” il piatto.
E quindi è questo processo mentale che mi aiuta a ideare nuove pietanze, stavolta il metodo Donatella si è svegliato vedendo i broccoletti siciliani o baresani, che io amo  moltissimo.
L’associazione di idee è nata in modo totalmente spontaneo pastabroccolettistracchino …. Mmm buono si davvero buono, poi quest’associazione ha continuato in questo modo prosciutto cottouvettapepe,  ma a questo punto non ero ancora soddisfatta e aprendo il mio jolly dove tengo tutte le mie adorate spezie la scelta è stata immediata e conseguenziale, ecco cosa mancava…………………………………………… lo zafferano!!
E in questo modo totalmente casuale è nata questa pasta davvero speciale, ottima per una cena fra amici per una bella occasione in modalità assaggio o come piatto unico, ed è così che io e i miei l’abbiamo gustato oggi.  ;))
Andiamo a vedere come si prepara :))
INGREDIENTI PER 5 PERSONE
– 2 broccoletti siciliani o baresani
– 2oo gr di prosciutto cotto tagliato a dadini
– 125gr di stracchino o certosa
– una bella manciata generosa di uvetta
– una bustina di zafferano
– 1 cucchiaio di soffritto, io ho usato quello surgelato
– 2 cucchiani di olio evo
– sale, pepe
– 350 gr di pasta corta io ho usato le pipe rigate
– Parmigiano Reggiano
PROCEDIMENTO
Lavate e pulite i broccoletti, cuoceteli al vapore, ora mettete in un bel tegame capiente l’olio il preparato per il soffritto coi broccoletti e frullateli col frullatore ad immersione, se rimangono dei ciuffi interi di broccoletti è meglio, da colore.
Accendete il fuoco e aggiungete qualche goccia d’acqua o il brodo di cottura dei broccoletti, poi mettete lo stracchino e iniziate ad amalgamare il tutto a questo punto è ora di mettere lo zafferano; poi aggiungere il prosciutto cotto e continuare ad amalgamare, quindi l’uvetta e aggiungete il pepe, se necessario aggiustate di sale.
Cuocete la pasta e versatela nel composto e continuate ad amalgamare il tutto.
Impiattate, spolverizzate di Parmigiano e GNAM GNAM GNAM!!