Muffin con gocce di cioccolato bianco con sorpresa al profumo di rosa

Muffin con sorpresa, ecco cosa sono questi dolcetti, e la sorpresa è una gelatina alla rosa, questo dona al dolcetto un gusto molto elegante,  amo le rose e il loro profumo  e devo dire che col cioccolato bianco si esaltano a vicenda 🙂 potete sostituire la gelatina alle rose con altre gelatine, l’importante è che siano ben consistenti …….. Buon appetito !!

INGREDIENTI PER CIRCA 16 MUFFIN 

180 farina 0
120 farina di semola
3 uova
80 gr olio di semi
170 gr di zucchero
100 gr di latte
45 gr di gocce di cioccolato bianco
1 bustina  lievito
8 gelatine di rosa (se volete un gusto più deciso utilizzate una gelatina a dolcetto)
Zucchero a velo qb
PROCEDIMENTO
Mettere tutti gli ingredienti nel cestello della planetaria, tranne le gelatine di rose e lo zucchero a velo e le gocce di cioccolata, azionarla prima ad una velocità bassa alzandola progressivamente.
Quando avrete ottenuto un bel composto iniziate a versare a pioggia le gocce di cioccolato, continuate a montare ancora finché tutto non sarà ben amalgamato.
A questo punto iniziare a versare il composto nei pirottini riempiendoli un po’ meno della metà, mettete al centro di ogni pirottino mezza gelatina alle rose e ricoprire con altro impasto e infornate.
Cuocete per 20 minuti in forno preriscaldato a 180°.
Sfornare dopo aver fatto la prova stecchino, attenzione le gocce di cioccolato si sciolgono non fatevi portare fuori strada nella prova stecchino 😉

Quando i muffin si sono raffreddati spolverizzate con zucchero a velo a piacere.

La mia Amica Silvia di Silvia Ai Fornelli, molto tempo fa mi aveva donato questo dolcissimo premio, ma io avevo perso il documento in cui appuntavo tutti i nomi dei blog dei premi e soprattutto delle amiche JJJJ

che me li assegnano con molta stima, Silvia non hai idea di quanto lo abbia cercato, sul mio pc… come se non bastasse lo cercavo fra i commenti, fra i blog… non lo trovavo, stamattina stavo per scrivere delle scuse pubbliche e invece segno del destino, ti sono venuta a trovare sul blog… per  farti i complimenti per una ricetta che mi ha colpito molto… e l’ho trovato! COME SONO FELICE
e posso ringraziarti con tutta la gioia che ho!! GRAZIE J

Andiamo alle regole del premio:

1. Visita e ringrazia il blogger che ti ha nominato.2. Ringrazialo nel tuo blog e crea un link al suo.
3. Rispondi alle domande “Super Dolci”.
4. Nomina dodici blog a cui dare il premio (13, in realtà…), crea un link del loro blog nel post e avvisali postando un commento nel loro blog.
5. Copia e sposta il premio nel tuo blog.


1. Biscotti o torta? Entrambi dipende dai momenti della giornata 

2. Cioccolato o Vaniglia? Cioccolato  

3. Quale è il tuo spuntino dolce preferito? Latte o tea e biscotti 
4. Quando hai maggior voglia di cose dolci? Quando esco a mangiare o quando siamo con gli amici… sono coccole 

5. Se tu avessi un soprannome “dolce”, quale sarebbe? Mi piacerebbe essere tutte 3 queste torte : strudel di mele, meringa, cheesecake

 Il premio lo assegno a ….
 

var addthis_config = {“data_track_addressbar”:true};
//s7.addthis.com/js/300/addthis_widget.js#pubid=ra-522c9ac24d382992

Zuppa di Monococco birra Filo Malpelo e Ceci

La zuppa che vi presento oggi è leggera gustosa e saporita ne sono protagonisti la birra Filo Malpelo del birrificio Pasturana, con questo birrificio stiamo facendo un bellissimo viaggio verso la conoscenza delle sue notevoli birre e di come queste possano arricchire i piatti della nostra tavola, generalmente conosciamo le birre o come accompagnamento alla pizza (che fra l’altro sono un’accoppiata vincente!) oppure per passare una serata con gli amici al pub.

La birra quella buona e di qualità è piena di sorprese e gusto come quella Pasturana che è una sorpresa continua per me e gustarla accompagnandola ai piatti di cui è protagonista rende una pietanza ricca ed originale e molto sofisticata.

L’altro protagonista di questa ricetta è il Monococco qualità Shebar di Tradizioni Padane, un pastificio questo che mi colpisce sempre per la fantasia che mette nel creare i suoi prodotti e onestamente mi propone ogni volta sapori talmente particolari ed originali che proprio non so quale preferire! Il Monococco di cui vi ho parlato QUI fino ad ora lo abbiamo conosciuto sotto forma di farina ma oggi ve lo presento nella sua veste “integrale”.
Il risultato di questa zuppa è un gusto nuovo ed è adatta a ogni occasioni con parenti ed amici e per occasioni particolari come per tutti i giorni.
L’olio extra vergine d’oliva non poteva che avere un gusto pieno con un retrogusto piccante e con una buona acidità quest’olio arricchito dall’aggiunta dei limoni al momento della spremitura, quest’olio arriva dalla Puglia ed è prodotto dalla Azienda Agraria Duca Carlo Guarini
Il gusto piccante e brioso ci viene dalla Crema di Peperoncini Piccanti, una crema che sebbene sia composta da Peperoncini e Olio extra vergine di oliva risulta amara ma anzi si sente il sapore dolce dei peperoni e poi rilascia il piccante tipico dei peperoncini doc 😉  … questa crema arriva direttamente dalla Puglia e precisamente da Scorrano e dall’azienda Azienda Agraria Duca Carlo Guarini
  

 

Ecco la ricetta J
 
INGREDIENTI Per 2 Persone
4 cucchiai di ceci secchi
8 cucchiai di Monococco Shebar  Tradizioni Padane
1 cucchiaio di preparato per soffritto (carota, sedano, cipolla)
1 salsiccia (io ho utilizzato una salsiccia Umbra sono molto saporite salate e pepate)
1 bicchiere di birra Filo Malpelo Birra Pasturana
Rosmarino e scalogno Cannamela qb
Crema di peperoncini piccanti Azienda Agraria Duca Carlo Guarini qb
Olio  Agrumato olio extravergine di oliva e limone Azienda Agraria Duca Carlo Guarini qb
Sale qb
 
ATTENZIONE Il Monococco cuoce in circa 45 minuti e rimane sempre al dente
PROCEDIMENTOMettere in ammollo i ceci secchi almeno 12h prima di iniziare a preparare la zuppa.
Passate le 12h iniziate a preparare l’occorrente per il soffritto, carota sedano e cipolla tagliati a dadini piccoli piccoli e versateli in un bel tegame capiente dai bordi alti assieme al Monococco ai ceci e allo scalogno, allungate con acqua versandone dapprima 2 bicchieri e iniziate a cuocere a fuoco medio basso.
Nel frattempo togliete la pelle alla salsiccia e sminuzzatela con le mani e metterla da una parte, aggiungere il rosmarino e passati circa 20 minuti dall’inizio della cottura aggiungere la salsiccia e la birra Filo Malpelo, continuate a cuocere se necessario aggiungere altra acqua facendo attenzione ad aggiungere due dita per volta.
Quando mancano circa 10 minuti aggiungere la crema di peperoncini piccanti.

Una volta cotta la zuppa impiattare e versare un filo d’olio a crudo servire calda………. BUON APPETITO 🙂 🙂 🙂
Accompagnare la zuppa con birra Filo Malpelo Pasturana
NOTE
Io non ho aggiunto sale poiché le salsicce umbre sono particolarmente saporite, qualora utilizzaste delle salsicce più dolci, assaggiate durante la cottura e se necessario aggiungete del sale 😉
Le dosi di olio crema di peperoncini piccanti dello scalogno e del rosmarino, sono a piacere, ma attenzione non esagerate altrimenti i sapori si coprono l’uno con l’altro! 😉
FILO MALPELO – PASTURANA

Tipologia: Birra Ambrata
Grado alcolico: 6,8%
Temperatura: invernale 12°, estiva 8°
Stile di riferimento: Belgian Specialty Ale
Descrizione: Birra dal ricco sapore maltato e rotondo.
Abbinamenti Gastronomici: Ottima per risotti cremosi, da usare anche per la loro preparazione. Primi piatti con condimenti elaborati, carni rosse e formaggi stagionati. Dolci a base di cioccolato o frutta secca.

PROPRIETÀ DEGLI ALIMENTI 
Birra chiara: Sodio, Potassio, Fosforo
Monococco:  Manganese, Zinco, Ferro. Per 100g di Prodotto: Proteine 14,60%, Fibre 8,80%, Carboidrati, 63,26%
Ceci secchi crudi: Sodio, Potassio, Ferro, Calcio, Fosforo, Magnesio
Olio extra vergine d’oliva: Vitamina A, Vitamina E
Salsiccia di suino cruda: Sodio (tantissimo), Potassio, Ferro (pochissimo), Fosforo, Calcio

 

 

var addthis_config = {“data_track_addressbar”:true};
//s7.addthis.com/js/300/addthis_widget.js#pubid=ra-522c9ac24d382992

Torta di Monococco e Cioccolato all’acqua con crema all’arancia

 

Amiche mie considerando che continua ad essere freddo…. nonostante siamo al 25 di maggio.. vi propongo una torta al cioccolato… con crema all’arancia.
Ho fatto questa torta qualche tempo fa ma ancora si trovano e vista la temperatura direi che si può mangiare in tutta tranquillità! La particolarità di questa torta è che oltre ad essere leggerissima e davvero buona assomiglia molto alla torta Sacher… l’originale quella che io e l’Am8 abbiamo gustato e strafogato all’Hotel Sacher di Vienna…. Se ho azzeccato la ricetta non lo so, ma vi assicuro che a noi e agli amici a cui l’ho portata per una cena è piaciuta davvero moltissimo!

La Farina è di Monococco qualità Shebar di Tradizioni Padane hanno appena rinnovato il sito ed è bellissimo andate a vederlo merita davvero 🙂 ….sapete ogni volta che uso la farina di Monococco me ne innamoro sempre un po’ di più, ha talmente qualità questa farina che si può solo amarla, vi ho parlato QUI di tutte le sue proprietà J
 
  

 

 

 

INGREDIENTI
3 Uova
160gr di farina di Monococco qualità Shebar di Tradizioni Padane
70gr di farina 00
120 + 20gr di zucchero
20gr di cacao amaro
1 vasetto di yogurt (io ho usato quello fatto da me in casa)
1 vasetto (quello dello yogurt) di olio di semi
1 vasetto (quello dello yogurt) e ½ di acqua
1 bustina di lievito per dolci
2/3 gocce di essenza alla cannella
INGREDIENTI PER LA COPERTURA E LA FARCIA
150gr circa di cioccolato fondente al 72%
300ml di spremuta di arancia
1 cucchiaio di maizena
4/5 cucchiaini di zucchero

PROCEDIMENTO
Separare gli albumi dal tuorlo montare separatamente gli albumi con 20gr di zucchero e lasciateli da una parte per il momento, montateli a lungo finché non diventano belli sodi i torli.

 

Nel frattempo montate gli altri 120gr di zucchero con i tuorli quando avete ottenuto una bella crema iniziate ad incorporare delicatamente un cucchiaio alla volta la farina setacciandola prima quella di Monococco poi quella 00, iniziate ad aggiungere l’olio quando dovesse risultare troppo “duro” l’impasto, poi è l’ora dello yogurt e per ultima l’acqua attenzione se l’impasto dovesse essere troppo liquido non incorporate tutta l’acqua, per ultimo aggiungete le gocce di essenza di cannella.
Quando avrete ottenuto un impasto ben omogeneo, è ora di unire gli albumi precedentemente montati a neve, incorporateli a mano mescolando delicatamente dal basso verso l’alto.

Accendete il forno a 170° e nel frattempo imburrate e infarinate uno stampo per dolci io ho usato quello da 24cm a cerniera, versate l’impasto nello stampo e quando è caldo il forno, infornate la torta. Fate cuocere 25/30 minuti, passato questo tempo fate la prova stecchino e se è cotta sfornate altrimenti prolungate la cottura monitorandola, una volta cotta sfornate e lasciate freddare.
Nel frattempo occupatevi della crema all’arancia trovate il procedimento QUI, ma lo riscrivo lo stesso  spremere le arance e versatele in un pentolino  aggiungete la maizena setacciandola e poi lo zucchero, la crema decidete voi quanto farla dolce, a me non piace troppo zuccherata perché amo sentire il sapore delle arance, io ho messo 4 cucchiaini, voi potete anche aumentare, mescolare bene e accendere il fuoco a fiamma bassa, mescolare finché non rapprende, quindi spegnere il fuoco, lasciate raffreddare un pochino mescolandola di tanto di tanto per non far venire i grumi.

Fatta la crema mettete a sciogliere il cioccolato temperandolo per mantenerlo lucido, anche in questo caso trovate il procedimento QUI ma ve lo riscrivo J Fate sciogliere il cioccolato a 48° / 50°  a bagnomaria dopo averlo sminuzzato (più è sminuzzato meno ci metterà  a sciogliersi, se non avete il termometro fate in modo che il cioccolato non faccia le bolle, deve essere sciolto, ma non bollire.

Quando il cioccolato sarà  sciolto mettete il contenitore in un tegame con acqua fredda e girare, finchè non avrà raggiunto la consistenza di una pomata, dovrebbe stare sui 24° a questo punto rimettere il cioccolato sul fuoco a bagnomaria e portarlo ad una temperatura di 31° /33°. Il temperaggio serve a rendere il cioccolatino lucido.
Fatta la crema e temperato il cioccolato è ora il momento di tagliare la nostra torta ottenendo due dischi della stessa altezza  (possibilmente), farcire con la crema all’arancia il disco che formerà la base (per intenderci quello che poggia sul piatto) lasciandone da parte 1/3 circa, ricomporre la torta posizionando sopra la crema l’altro disco e con la crema avanzata ricoprire tutta la superficie della torta. Fatta quest’operazione versare il cioccolato temperato sopra la torta spalmandolo sia sulla superficie che intorno al bordo…. Una volta freddato il cioccolato la torta è pronta per essere mangiata e BUON APPETITO J
Questa torta è davvero facilissima da fare non vi spaventate dai vari passaggi… J Il risultato è una torta soffice leggera e buonissima J
Attenzione il cioccolato è molto sensibile alle temperature ambientali e va maneggiato con cura e molta attenzione, è un po’ come una bella donna capricciosa che sa di essere bella e richiede molte attenzioni, ma non è intrattabile se si trova la giusta decodificazione 😉
Qualora il cioccolato dopo averlo temperato risulta striato di bianco o opaco, mi spiace ma l’operazione non è riuscita e se volete dei cioccolatini da maitre chocolatier… vi conviene ripetere l’operazione L
Inoltre ricordate che le temperature indicate sono valide solo per il cioccolato fondente quello al latte e quello bianco necessitano di altre temperature per un buon temperaggio 😉
Una volta tolti i cioccolatini dallo stampo se necessario rifilateli con un coltellino non seghettato.

 

 

var addthis_config = {“data_track_addressbar”:true};
//s7.addthis.com/js/300/addthis_widget.js#pubid=ra-522c9ac24d382992

Risotto ai porri caramellati all’aceto balsamico La Compagnia del Montale

 

Questo risotto facilissimo e velocissimo da preparare è nato in una giornata e fredda come questa… solo che era inverno, è gustoso intrigante ed elegante, ed è adatto a tutte le occasioni 🙂
 
L’aceto è il Vigna Bordò IGPJ sarà perché questa acetaia ha vinto il premio come miglior aceto del 2012… secondo me si!

ed è l’ingrediente che rende molto sfizioso il risotto!!

 
 

 

 
 
INGREDIENTI PER DUE PERSONE
160gr di riso integrale a persona
2 porri
2 cucchiai di Vigna Bordò IGP La Compaglia del Montale
Grani del Paradiso e Origano liofilizzato Cannamela qb
2 cucchiai di olio evo
sale qb
acqua qb

PROCEDIMENTO

Mettere a bollire dell’acqua in un tegame capiente, nel frattempo lavare mondare e tagliare a rondelle sottili i porri e metterli a cuoce in una padella antiaderente con i  2 cucchiai di olio evo, per evitare che si attacchino e non cuociano correttamente aggiungere dell’acqua, due/tre dita alla volta fino a cottura dei porri.
Quando l’acqua nel tegame bolle salate e poi versate il riso e fate cuocere a seconda dei tempi indicati sulla confezione.
Tornando ai porri, a metà cottura aggiungere una bella grattata di Grani del Paradiso e una bella spolverata di origano, continuate la cottura e quando i porri saranno quasi cotti aggiungete l’aceto balsamico e aggiustate di sale.
Quando il riso sarà cotto scolatelo e versatelo nella padella coi porri e mantecatelo, se necessario aggiungete un pochino di acqua di cottura del riso oppure dell’acqua calda. Lasciate riposare 1 minuti impiattare e ……. BUON APPETITO J
 
 

 

 

 

 

var addthis_config = {“data_track_addressbar”:true};
//s7.addthis.com/js/300/addthis_widget.js#pubid=ra-522c9ac24d382992

Cheesecake alla crema di arancia

Qualche giorno fa avevo voglia di dolce, e visto che ancora si trovano le arance ..  ne ho approfittato prima che finiscano totalmente, ma avevo voglia di un dolce fresco e non troppo dolce al gusto, pensa che ti ripensa ho trovato la torta giusta la cheesecake, alla crema d’arancia…. Ci è piaciuta moltissimo… talmente tanto che è finita un in paio d’ore 😉

INGREDIENTI

180gr di biscotti secchi tipo Digestive
50 gr di burro
250gr di ricotta vaccina
150gr di yogurt greco bianco 0 grassi
10gr di colla di pesce
50gr di zucchero di canna
2 cucchiai di acqua calda
INGREDIENTI PER LA CREMA ALL’ARANCIA
150ml di spremuta di arancia
1 cucchiaio raso di maizena
2 cucchiaini di zucchero di canna

PROCEDIMENTO PER LA CHEESECAKE

Sciogliere totalmente il burro e nel frattempo tritare finemente i biscotti nel food processor, dopo averli tritati versarli in una terrina poi aggiungere il burro fuso e mescolare gli ingredienti amalgamandoli fino ad ottenere un composto omogeneo e piuttosto compatto.
Rivestire totalmente con dell’alluminio un stampo per torte meglio se a cerniera stando attenti ad evitare il più possibile il formarsi di pieghe sia sulla base che sul bordo. Versare il composto ottenuto nello stampo e livellarlo il più possibile fino alla totale copertura del fondo, farlo riposare in frigo per una mezz’ora almeno.
Nel frattempo mettere a bagno la colla di pesce per 10 minuti con dell’acqua fredda, mentre la colla di pesce si ammorbidisce, in una terrina versare la ricotta lo yogurt e lo zucchero e mescolare per ottenere un crema omogenea.
Passati i dieci minuti strizzare la gelatina, buttare l’acqua, e sciogliere totalmente la gelatina con due cucchiai di acqua calda, ma non bollente, dopo averla sciolta versarla nella ciotola con la crema di ricotta e yogurt e mescolare nuovamente per amalgamare gli ingredienti lasciate riposare e iniziate a occuparvi della crema  all’arancia.
Dopo aver fatto la crema  tirare fuori dal frigo lo stampo versare bene la crema  di  yogurt e ricotta livellare bene e versare sopra la crema di arance che nel frattempo dovrebbe esserci freddata (è una piccola quantità e si fredda in fretta), lasciare riposare lo stampo in frigo per almeno 2h.
Passate le due ore togliere dal frigo la cheesecake, aprire la cerniera dello stampo e spostare su un piatto il dolce privato dell’alluminio tagliare a fette servire e gnammmm 🙂

PROCEDIMENTO PER LA CREMA ALL’ARANCIA
Spremere le arance e versatele in un pentolino  aggiungete la maizena setacciandola e poi lo zucchero, la crema decidete voi quanto farla dolce, a me non piace troppo zuccherata perché amo sentire il sapore delle arance, io ho messo 2 cucchiaini, voi potete anche aumentare, mescolare bene e accendere il fuoco a fiamma bassa, mescolare finché non rapprende, quindi spegnere il fuoco, lasciate raffreddare un pochino mescolandola di tanto di tanto per non far venire i grumi.


Con questa ricetta partecipo al contest di  Valentina la MIA AMICA di Una Fetta Di Paradiso “I Love Cheesecake

var addthis_config = {“data_track_addressbar”:true};
//s7.addthis.com/js/300/addthis_widget.js#pubid=ra-522c9ac24d382992