Torta rustica con coste (la parte bianca) – Cooking Dona

La torta salata con le coste (bieta) è una variante delle torte salate molto buona che risulta croccante e saporita e di veloce preparazione. Come per tutte le torte salate con verdure cotte anche in questo caso si ottiene un rustico a forma di torta dal gusto salato, realizzato con un guscio di pasta brisé, preparata in casa o acquistata già pronta. Per un gusto più friabile si può utilizzare la pasta sfoglia o a piacere con un impasto rustico con un ripieno saporito di coste saltate in padella e formaggi misti, quelli che si hanno in frigo.

Le torte salate con verdure e formaggio fanno parte di tutte le ricette che si possono preparare per svuotare il frigo,  consumando “rimasugli” o avanzi del giorno prima o anche ingredienti prossimi alla scadenza.

Se non vuoi utilizzare le coste si possono sostituire con una qualsiasi verdura a foglia larga oppure con dei broccoli e cavolfiori o anche con le zucchine.

Che differenza c’è fra coste e bieta?

Il tipo di verdura è lo stesso, quello che cambia è la forma. A seconda della forma infatti questa verdura assume nomi diversi: la bietola da coste ha foglie più piccole e coste più grandi , che possono essere bianche, gialle, rosse o arancioni, lunghe o spesse. Nel mio caso ho scelto le coste bianche molto spesse. La bietola da foglie o erbetta ha coste più piccole e si mangiano solo le foglie.

Preparare la pasta brisée in casa è facile, questa pasta è una preparazione base molto semplice e veloce da fare, di seguito ti lascio la mia ricetta, ma se vuoi saperne di più e scoprire qualche trucco, ti lascio il link di approfondimento al mio articolo sulla pasta brisé.

Per questa torta ho utilizzato solo la parte bianca delle coste, la parte verde delle foglie delle coste l’ho utilizzata per un minestrone.

Non ho aggiunto sale alla torta salata svuotafrigo per questo motivo non lo trovi fra gli ingredienti.

Torta salata svuotafrigo con coste, solo la parte biaca e formaggi. La pasta brisé è fatta in casa con una ricetta facile e veloce e vegana.

Lista per la spesa

Ingredienti per il condimento

  • 100 g di fontina circa 10 fette
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 1 cespi di coste solo la parte bianca grande o 2 cespi piccoli
  • 50 g di emmental
  • Aglio q. b.
  • Cipolla q. b.

Ingredienti Pasta brisée

  • 300 g di farina Manitoba
  • 100 g di acqua ghiacciata
  • 60 g di olio evo
  • Facoltativo 1 cucchiaio raso da caffè di lievito istantaneo per torte salate.

Cuciniamo

  1. Sbollentare le coste dopo averle tagliate a quadrotti.
  2. Fare un soffritto molto leggero con aglio e cipolla.
  3. Versare le coste nel soffritto quindi coprirle e cuocerle per 15-20 minuti, mescolandole spesso. Se dovessero asciugarsi troppo aggiungere dell’acqua, meglio se si aggiunge quella in cui sono state sbollentate le coste.
  4. Quindi lasciarle freddare.
  5. A parte tagliare la fontina a fettine, sminuzzare l’emmental.
  6. Lavorare le uova con il formaggio grattugiato e poi lasciare riposare.

Ora è il momento di preparare la pasta brisée

  1. Mescolare acqua e olio evo assieme.
  2. Mescolare il lievito alla farina.
  3. Versare a pioggia la farina nei liquidi mescolandola continuamente.
  4. Quindi impastare finché non si ottiene una palla d’impasto.
  5. Stendere l’impasto, deve risultare alto circa 5 mm.
  6. Bagnare un foglio di carta forno e posizionarlo sul fondo dello stampo, su cui va disposta la pasta brisée facendo attenzione ad avere i bordi alti. Io ho usato uno stampo da 28 cm.

Assembliamo e cuociamo la torta salata

  1. Portare il forno alla temperatura di 190° in modalità ventilata.
  2. Adagiare parte metà delle fettine di fontina sul fondo sul fondo della pasta brisée.
  3. Versarvi sopra le coste ripassate in padella.
  4. Quindi le fettine di fontina avanzate e l’emmental sminuzzato.
  5. Versare il composto di uova e formaggio grattugiato sulle coste .
  6. Se i bordi risultano più alti abbassarli delicatamente verso l’interno sopra il ripieno.
  7. Infornare e abbassare la temperatura a 180° e cuocere per 30 minuti, quindi sfornare una volta fatta la prova stecchino.
  8. Servire a piacimento calda o fredda.

Per una torta salata più leggera si può omettere il passaggio di ripassare in padella le coste con il soffritto di aglio e cipolla.

Buon Appetito!!

Focaccine soffici – Cooking Dona

Le focaccine soffici sono molto semplici da preparare sono adatte alla merenda in casa o fuori casa e sono perfette come sostituto del pane da accompagnare agli affettati e salumi, ideali per l’aperitivo.

Quando si hanno delle farine da consumare o dei rimasugli di farina questa ricetta si presta molto bene per una cucina senza sprechi e svuotafrigo.

Le focaccine morbide sono molto semplici da fare, risultano un po’ lunghe da preparare solo i per i tempi di lievitazione (3h circa) per quanto riguarda la preparazione dell’impasto o la lavorazione della pasta quando si stendono e si porzionano i tempi sono molto contenuti.

Da tempo non utilizzo lo zucchero negli impasti, ne consegue che i tempi di lievitazione si allunghino.

Se l’impasto risulta appiccicoso al tatto lavorandolo diventerà soffice senza appiccare. La preparazione dell’impasto a mano risulta più lunga che fatto con un’impastatrice.

L’impasto delle focaccine è senza sale, l’ho messo solo sulla superficie delle focaccine senza spezie. Nella versione con le spezie non l’ho aggiunto nella salamoia per focacce. A piacere si può aggiungere il sale anche nell’impasto, personalmente in abbinamento con affettati e salumi preferisco mangiare focacce senza sale o pane sciapo.

La salamoia per focacce è una miscela di acqua e olio d’oliva sale e erbe aromatiche. In questo caso ho preparato una miscela di acqua e olio d’oliva, il sale e le spezie le ho spolverizzare a parte sulle focaccine durante la seconda lievitazione e prima della cottura. Il rapporto fra olio e acqua è di 1:2.

Focaccine morbide

Lista per la spesa

  • 400 g di farina di cui 40 g di farina 00, 120 g di farina di semola rimacinata integrale e 240 g di farina di tipo 1
  • 6 g di lievito di birra secco
  • 126 g di latte tiepido
  • 126 g di acqua + 4-5 cucchiai di acqua per la salamoia
  • 55 g di olio d’oliva io evo + l’olio per la salamoia circa 2-3 cucchiai
  • Spezie a piacere
  • Sale a piacere

Cuciniamo

  1. Mescolare gli ingredienti secchi assieme.
  2. Aggiungere poco per volta il latte tiepido, l’acqua e l’olio sempre mescolando.
  3. Impastare a lungo finché la pasta non risulta appiccicosa, lasciando lievitare l’impasto in luogo caldo per almeno 1,30 h, risulterà più che raddoppiato.
  4. Stendere la pasta alta circa 5 mm, con l’aiuto un coppapasta tondo o di una ciotolina, ricavare delle circonferenze e posizionarle sulla leccarda del forno foderata di carta forno; con i polpastrelli creare delle fossette sulla pasta .
  5. Spennellare con la salamoia per focacce, ossia la miscela di acqua e olio in pari quantità, quindi salarle a piacere o spolverizzarle con delle spezie tritate.
  6. Far lievitare le focaccine in forno spento per circa 90 minuti.
  7. Cuocere le focaccine a 170° in modalità ventilata per 25 minuti.
  8. Sfornare e servire calde o fredde.

Per la prima lievitazione ti consiglio di trasferire l’impasto in un contenitore coperto.

Questa volta per la cottura ho provato un metodo differente:

Ho infornato le focaccine per la seconda lievitazione, trascorso il tempo necessario ho acceso il forno con le focaccine al suo interno, portandolo a temperatura e lasciandole cuocere per 20 minuti. Una volta spento il forno le ho lasciate riposare per circa 10 minuti prima di sfornarle. Le ho cotte seguendo la ricetta a 170° in modalità ventilata.

Hai letto la mia Mini guida: Come impostare e organizzare una cena per fare bella figura con ricette semplici e poco costose? Se non l’hai letta ti consiglio di leggerla, questa è una ricetta che ne rispecchia in pieno lo spirito.

Buon Appetito!!

Focaccine soffici senza sale