Frittelle di pane a modo mio

Fare il pane in ogni sua ricetta e tipologia è un’esperienza che mette il buon umore e ti fa sentire bene. L’odore del pane caldo che si diffonde prima in cucina poi in tutta casa, è uno dei profumi per eccellenza che secondo me racconta l’idea di casa, è evocativo e sicuramente porta con sé sentori di serenità e allegria e soprattutto ricordi. Ieri sera eravamo a cena da amici, una di quelle cene in cui ognuno contribuisce portando qualcosa. Ovviamente è una cena decisa all’ultimo minuto. Ovviamente non ho molto tempo a disposizione per preparare qualcosa, ma allora cosa portiamo? Mi sarebbe piaciuto preparare del pane, per il pane nemmeno a dirlo tempo non ne avevo, allora penso al pane veloce o al pane azzimo (trovi la mia ricetta qui) si ok non richiedono i tempi di lievitazione e lavorazione del “pane classico”, ma non ho il tempo necessario per stendere le palline d’impasto. E allora ecco che L’idea nasce velocemente, velocemente studio una ricetta mentale, mentre ci penso mi dico, SI PUÒ FARE! Ed ecco che sono nate queste frittelle di pane salate (anche se io il sale non l’ho messo).

Mi sono ricordata che un giorno una nostra amica con la pasta lievita fece delle frittelle di pane, friggendole in abbondante olio. Lei aveva fatto lievitare molto l’impasto, perché lo aveva utilizzato per fare della pizza ripiena, l’impasto avanzato lo aveva diviso in tante porzioni, ottenendo delle buonissime frittelle salate . Però io ieri non avendo il tempo di far lievitare a lungo la mia pasta, né la voglia di friggere, ho pensato a delle frittelle di pane fatte con la pastella al profumo di burro (ho utilizzato solo il burro necessario per ungere la padella).

Queste frittelle le prepari con solo 4-5 ingredienti, si cuociono in padella, e ci metti davvero pochissimo a farle, sono piaciute a tutti grandi e piccini. Puoi mangiarle da sole come sfizio o assieme a salumi e affettati, salmone affumicato o verdure grigliate. Grazie ai vari abbinamenti risultano molto versatili e buone. Nella foto in alto vedi che ci sono delle frittelle bianche, esse sono senza glutine, la ricetta è differente nel rapporto di acqua e farina, ma solo dopo averle assaggiate ho realizzato che non avevo segnato le dosi degli ingredienti, ho fatto tutto a occhio, prossimamente le pubblicherò senz’altro, perché mi sono piaciute davvero molto.

Lista della spesa

  • 150 g di farina di semola integrale rimacinata
  • 200 g di acqua
  • 2 g di lievito di birra secco
  • Sale a piacere – io non l’ho messo
  • Burro la quantità necessaria per ungere la padella

N.B. puoi anche mettere meno acqua dipende da quanto vuoi la pastella “solida”.

Cuciniamo

Preparare la pastella versando la farina e  il lievito in una ciotola, mescolare e versare l’acqua lentamente, poca alla volta per farla incorporare bene, in questo modo controlli più facilmente la densità che vuoi ottenere per la pastella. Fai riposare la pastella finché non inizi a vedere che si formano delle bolle. Le bolle sono il segnale che il lievito si sta attivando. Ora devi solo ungere la padella con del burro (esattamente come faresti per le crepes o i pancakes, ne basta giusto un filo), Fai scaldare la padella sul fuoco e una volta calda versa le porzioni di pastella sul fondo. Io ho fatto una proporzione di 2 cucchiai di pastella per frittella. Ora fai cuocere le frittelle finché non vedi che la base inizia a cambiare colore, in questo modo non si romperanno quando le capovolgi, quindi girale e coprile con un coperchio fino a cottura ultimata. I tempi di cottura dipendono dalla densità della pastella e dalla dimensione delle frittelle. Puoi servire le frittelle di pane sia calde che fredde.

Buon Appetito!!

Ricetta e trucchi per fare il pane azzimo e benvenuta alla signora Polipo 😃

Se dovessi scegliere la ricetta che più ha rappresentato i primi tre mesi di quarantena del 2020 della mia famiglia sicuramente sceglierei quella del pane azzimo. Questo pane, tipico della tradizione ebraica, senza lievito sale e olio è sempre piaciuto moltissimo a me e a mio marito, tant’è che abbiamo trasmesso questa predilezione anche alla nostra bimba e devo dire che lo apprezza davvero molto. Il pane azzimo è particolarmente indicato per chi ha problemi con l’assunzione di lievito e per chi non può assumere sale nella sua dieta. Questo tipo di pane ha una consistenza croccante e un sapore neutro, per questo qualcuno potrebbe definirlo insipido o insapore, per ovviare a questo inconveniente ho imparato a “giocare” con le farine, ottenendo così sapori differenti a seconda della miscela di farine utilizzata. Inoltre ho iniziato a ottenere un pane morbido, adatto anche a “raccogliere il cibo” se si conserva in un contenitore ben chiuso, meglio se di latta, il risultato che si ottiene è una sorta di piadina davvero molto leggera. Se lo cuoci un po’ di più la consistenza croccante non ha assolutamente nulla da invidiare a quello che si trova in commercio. 

Questa mattina come puoi vedere dall’immagine, in attesa che inizi l’inserimento alla scuola materna, non abbiamo cucinato il pane azzimo, noi abbiamo rifatto un lavoretto che mia figlia ha amato moltissimo al baby parking che da marzo ha frequentato fino a qualche settimana fa. Ta ta daaaa … La Signora Polipo, l’abbiamo anche truccata 🤩 un simpaticissimo polipetto realizzato con il cilindro di cartone della carta igienica, l’abbiamo colorato con i pastelli e con un pennarello gli abbiamo disegnato gli occhi e la bocchicella (come dice la mia piccolina), poi con le forbici ho fatto tanti tagli sulla base, ottenendo una frangia che costituisce i tentacoli del polipo. Lei si è divertita e con poco abbiamo passato una bella mezz’oretta insieme 😍😍😍

Tornando invece a parlare del pane azzimo, ho scritto che è la ricetta più rappresentativa di questa quarantena, perché è una delle attività che ho fatto maggiormente con la mia piccola gioia, all’epoca aveva 2 anni.

Impastare aiuta a tranquillizzare i bambini esattamente come rilassa gli adulti, è un vero antistress anche grazie al “lancio” dell’impasto sulla spianatoia e al matterello con cui si picchia la pasta. La mia piccola fin dai 24 mesi (proprio all’inizio dell,’emergenza covid-19 ha compiuto 2 anni), preparava il pane azzimo con ne. Con che soddisfazione stava davanti alla spianatoia con le mani ben lavate e il bavaglino a camiciola per proteggerle i vestiti; si è divertita e rilassata a lavorare decorare e ritagliare la pasta, ha fatto anche degli esercizi di manipolazione in totale serenità. Ho scelto per lei come rotella tagliapasta e matterello attrezzi adatti alla lavorazione della pasta di zucchero, così si è divertita in sicurezza con impugnature adatte alle sue piccole manine, traendo la giusta e corretta soddisfazione sia nella preparazione del pane sia mangiandolo.

Fin da quando era piccolina la mia bambina mi ha vista impastare e cucinare, ed è sempre stata molto attenta a quello che facevo, per questo quando le ho preparato per la prima volta il suo impasto di acqua e farina la sua felicità è stata grandissima. Per la preparazione dell’impasto ho utilizzato molte miscele di farine (che ho preparato personalmente per terminare le confezioni aperte che avevo in casa) il rapporto farina e acqua è di 2:1 a seconda del quantitativo di pane che si vuole preparare. Per la ricetta di oggi ho utilizzato un solo tipo di farina. 

Dopo aver preparato l’impasto ho imparato a farlo riposare, io lo ripongo in un contenitore col tappo e lo lascio lì a  riposare per un paio di ore, oppure puoi avvolgerlo in una pellicola alimentare, così si otterrà un impasto più morbido e facile da lavorare.

Lista della spesa

  • 100 g di farina manitoba
  • 100 g di acqua

CUCINIAMO

  1. Impastare la miscela di farine e acqua fino ad ottenere una palla asciutta e compatta.
  2. Lavorarla con le mani sbattendola più volte sulla spianatoia e “picchiarla” col matterello (io utilizzo un piccolo matterello in silicone per le preparazioni in pasta di zucchero).
  3. Formare delle palline d’impasto e stenderle infarinandole leggermente, devono essere molto sottili 1 o 2 mm in questo modo in cottura il pane si gonfierà.
  4. Se si vuole ottenere porzioni di pane più piccole, tagliare ulteriormente le porzioni di pasta con una rotella tagliapasta (uso quella per la lavorazione della pasta da zucchero), decorarle passando delicatamente la rotella sulla pasta stesa, facendo attenzione a non tagliarla.
  5. Scaldare una padella antiaderente e cuocere 1 minuto per lato il pane azzimo, se si vuole ottenere una consistenza morbida. Per un pane croccante cuocerlo almeno 1 minuto in più.
  6.  Servire tiepido o freddo.

 Sarà divertentissimo vedere gonfiare il pane. Spesso lo utilizzo anche come base per le piadine. Ricorda che per una lavorazione e cottura ottimale dell’impasto l’ideale è farlo riposare coperto con una pellicola alimentare per circa 2 h prima di lavorarlo.

Buon Appetito!!

Panino con crema di peperoni, spinacino, gorgonzola dolce ed aceto balsamico

Un panino può essere una vera e propria esperienza gastronomica, e questi che vi presento sono panini che abbiamo gustato con un buon spumante brut, e l’accoppiata direi che è perfetta!

Io ho usato 1 baguette per 4 panini con due farciture differenti, tagliando la baguette in 8-10 fette si ottengono deliziosi finger food, adatti ad un piacevole barbeque estivo o ad una festa con gli amici.

Scopri un aperitivo con salmone .

INGREDIENTI PER 1/2 BAGUETTE
(2 Panini o 4/5 Finger Food)

PROCEDIMENTO

  1. Scalda una padella antiaderente.
  2. Taglia la mezza baguette a metà, nel senso della larghezza quindi nuovamente a metà nel senso della lunghezza, posiziona le quattro parti ottenute col lato interno poggiato sul fondo della padella, fai bruscare.
  3. Una volta bruscato il pane, versa su ogni lato bruscato un filo d’olio, se non utilizzi l’olio agrumato al mandarino, gratta leggermente la buccia del mandarino per dare il profumo di mandarino al panino.
  4. Su due metà spalma il gorgonzola, sulle altre due la crema di cipolle e mela verde, oppure la marmellata di cipolla.
  5. Ora su tutte e quattro le fette di pane adagia le foglie di spinacino, quindi solo su due rispettivamente per ogni panino versa dolcemente l’aceto balsamico.
  6. A questo punto componi i due panini, e servi.

 

INGREDIENTI PER 1/2 BAGUETTE
(2 Panini o 4/5 Finger Food)

PROCEDIMENTO

  1. Scalda una padella antiaderente.
  2. Taglia la mezza baguette a metà, nel senso della larghezza quindi nuovamente a metà nel senso della lunghezza, posiziona le quattro parti ottenute col lato interno poggiato sul fondo della padella, fai bruscare.
  3. Una volta bruscato il pane, versa su ogni lato bruscato un filo d’olio, se non utilizzi l’olio agrumato al limone, gratta leggermente la buccia di un limone sull’olio per dare il profumo di limone al panino.
  4. Su due metà spalma il gorgonzola, sulle altre due la crema di peperoni gialli o i peperoni arrostiti e spellati.
  5. Ora su tutte e quattro le fette di pane adagia le foglie di spinacino, quindi solo su due rispettivamente una per ogni panino spolverizza con il peperoncino macinato.
  6. A questo punto componi i due panini, e servi.
Buon Appetito !!

Aperitivo e Antipasti con Tigelle e Basilichito – Appetizer in perfect Italian style with Tigelle and Basilichito

Questa è la mia prima ricetta dell’anno, e per iniziare alla grande ho scelto un antipasto, in realtà sono due, preparati entrambi con le tigelle CRM e più precisamente ho utilizzato la Tigella Biologica, il risultato è piaciuto molto è allegro simpatico e gustoso, altri due ingredienti d’eccezione sono stati il Basilichito – Borea & Rossi e l’Olio Agrumato al Limone – Duca Carlo Guarini.

Due antipasti molto differenti fra loro con in comune tanta allegria e bontà.
 

TIGELLA BASILICHITO E FORMAGGIO DI CAPRA

INGREDIENTI A PERSONA
1 fettina di formaggio di capra fresco
Basilico tritato
PROCEDIMENTO
1 -Tagliare la tigella a metà ottenendo due dischi, bruscare le due metà su una padella antiaderente preriscaldata.
2 – Versare un filo d’olio su una metà e bagnare l’altra metà con qualche goccia di Basichilito.
3 – Adagiare il formaggio di capra e il basilico  tritato sulla tigella con olio d’oliva, coprire con la metà bagnata di Basilichito.
4 – Quando il formaggio si è un po’ sciolto togliere dal fuoco tagliare a metà.
5 – Servire con una bottiglietta di Basilichito.

TIGELLA SALMONE E INSALATA RUSSA
INGREDIENTI A PERSONA
1/2 Tigella Biologica CRM
1/2 fettina di salmone affumicato
1 cucchiaino di insalata russa
Grani del Paradiso – Cannamela
Olio Agrumato al Limone – Duca Carlo Guarini

PROCEDIMENTO
1 -Tagliare la tigella a metà ottenendo due dischi, bruscare le due metà su una padella antiaderente preriscaldata.
2 – Poggiare i dischi su un piatto e versare un filo d’olio su ogni disco.
3 – Adagiare il salmone poi l’insalata russa per ultimo macinare i Grani del Paradiso.
4 – Servire.

This is my first recipe of the year, and to begin the great I chose an appetizer, actually have two, both with tigelle CRM and more specifically I used the Organic frugal trenches, the result really liked is cheerful cute and tasty, two other exceptional ingredients were the Basilichito-Boreas & Rossi and Citrus lemon oil-Duke Charles Guarini.
Two very different starters among them with so much in common joy and goodness.
 
 
 
 
 
TIGELLA AND BASILICHITO GOAT CHEESE
INGREDIENTS PER PERSON
1 Biological Tigella CRM
1 slice of fresh goat cheese
Chopped Basil
Basilichito to taste.
Citrus lemon oil-Duke Charles Guarini

 

 

PROCEEDINGS
1-cut the tigella halfway getting two discs, bruscare the two halves on a preheated nonstick pan.
2-pour a little oil on one half and the other half with a few drops of Basichilito.
3-place the goat cheese and the chopped Basil on tigella with olive oil, cover with half wet Basilichito.
4-When the cheese is slightly melted remove from heat cut in half.
5-serve with a bottle of Basilichito.

 

 

TIGELLA SALMON AND RUSSIAN SALAD
INGREDIENTS PER PERSON
1/2 Organic Tigella CRM
1/2 slice of smoked salmon
1 teaspoon Russian salad
Grains of paradise-Mat
Citrus lemon oil-Duke Charles Guarini

 

 

PROCEEDINGS
1-cut the tigella halfway getting two discs, bruscare the two halves on a preheated nonstick pan.
2-Place the discs on a plate and pour a little olive oil on each disc.
3-Place the salmon then the last Russian salad grind the grains of paradise.
4-Serve.

Piadina Sfogliata con melanzane gorgonzola e prosciutto cotto

Oggi vi lascio la ricetta di una piadina facilissima da preparare, un piatto adatto a qualsiasi occasione sia come antipasto che come piatto principale, questa piadina nasce in macchina andando a fare la spesa… un po’ per caso un po’ per gioco.

La piadina è quel tipico piatto tutto italiano che fa sempre festa, sia che la mangi a casa sia che la mangi in attesa di andare al cinema (come abbiamo fatto noi)…. ogni momento è buono per gustarla.

    

Cito dal loro sito: “Piada Sfogliata all’olio d’oliva: Questo pane di vecchissima tradizione (preprarata fina dai tempi dei romani) è stato riconosciuto nella gastronomia quale alimento sano e genuino e, come tante altre specialità ed antichi alimenti, ha una sua storia personale fra cultura popolare e ricette di cucina. Inizialmente la piada si trovava unicamente nelle tavole delle famiglie contadine al posto del pane negli anni, l’evoluzione nella preparazione della piadina ha fatto si che venisse modificata la ricetta originaria in base alle tradizioni e alla cultura. Si mangia calda oppure fredda ed è buonissima sia da sola sia farcita con salumi, formaggi, salsiccia, verdire gratinate o erbette (da non disdegnare la farcitura dolce con Nutella, miele, marmellata). E’ un mangiare fragrante e saporito alla portata di tutti ed essendo un valido sostituto del pane la piada può accompagnare qualsiasi tipo di pietanza…provare per credere! “

INGREDIENTI PER UNA PIADINA
1 Piada Sfogliata all’olio d’oliva C.R.M.
1/3 di melanzana
80 gr di prosciutto cotto
34/40 gr di gorgonzola D.O.P.
Olio extra vergine d’oliva, sale e basilico qb

PROCEDIMENTO
Lavare Mondare il basilico con la melanzana.
Tritare il basilico dopo averlo asciugato
Tagliare a dadini piccoli la melanzana, versarla in un contenitore per miscroonde salare aggiungere del basilico tritato e un filo d’olio, mettere a cuocere nel microonde a 900 di potenza per circa 6/8 minuti, se la melanzana non dovesse risultare cotta prolungate la cottura andando avanti di 1/2 minuti per volta. a fine cottura le melanzane risulteranno come quando vengono grigliate, solo a dadini
Nel frattempo scaldare una padella antiaderente adagiare delicatamente la piadina e farla scaldare, versare un filo d’olio evo (circa 1/2 cucchiaini) sulla piadina,
Spalmare su tutta la superficie della pidina il gorgonzola che si scioglierà facilmente essendo calda la piadina.
Adagiare il prosciutto su una metà della piadina, quindi versare sopra le melanzane.
Chiudere in 2 o in 4 la piadina …. e GNAM GNAMM