Pesto di sedano arachidi e pomodori secchi |cucina facile ed economica

Il pesto di sedano è un condimento per la pasta e non solo puoi usarlo anche per condire gli gnocchi riso e per spalmarlo su golose bruschette, è facilissimo da preparare e in soli cinque minuti è pronto da portare in tavola!

La versione del pesto di sedano della ricetta di oggi è ancora più golosa perché oltre ad utilizzare le foglie di sedano che da scarto diventano protagoniste indiscusse delle ricette si usano fra gli ingredienti arachidi e pomodori secchi, una vera bontà.

Assolutamente da provare!

Il pesto di foglie di sedano arachidi e pomodori secchi è una ricetta gustosa facile da preparare e soprattutto davvero molto veloce. Tendenzialmente le foglie del sedano non si sa bene come utilizzarle, sinceramente io le metto anche nel sugo, ma ovviamente non posso mettere tutte quelle di un cespo di sedano. Per questo motivo spesso le utilizzo per preparare il pesto.

Devo dire che l’accoppiata foglie di sedano con arachidi e pomodori secchi mi piace moltissimo, il gusto è pieno e secondo me è anche modo originale per utilizzare questi tre ingredienti, se poi ci aggiungi il formaggio grattugiato con l’olio d’oliva il successo è davvero assicurato.

Pesto di sedano arachidi e pomodori secchi, ricetta gustosa facile da preparare e soprattutto molto veloce

Quante volte ti sei chiesta/o come usare le foglie di sedanole foglie di sedano si possono mangiare o anche se le foglie di sedano si possono mangiare crude, ecco la risposta è si. Si le foglie di sedano si possono mangiare anche crude e puoi utilizzarle per fare dei deliziosi pesti. Posso assicurarti che quando ho iniziato a cucinare le foglie del sedano le scartavo, un po’ per ignoranza e un po’ per mancanza di confidenza con ingredienti e attrezzi da cucina. Ma poi quando ho iniziato ad avere una cucina più consapevole e ho iniziato a provare le ricette per il pesto, ho fatto la fantastica scoperta che il pesto è un ottimo modo per utilizzare le foglie del sedano. Questo oltre a portarmi un vantaggio economico mi ha anche portato a preparare ricette più fantasiose in cucina e con poco sforzo e spesa posso facilmente stupire i commensali che siano amici o parenti.

La ricetta di questo pesto nasce senza sale aggiunto, a piacere puoi aggiungere il sale, ma ti consiglio in ogni caso di assaggiarlo prima di salarlo.

Lista per la spesa

  • 50 g di arachidi
  • 90 g di parmigiano reggiano
  • 25 g pomodori secchi
  • 50 g di olio evo
  • 95-100 g di figlie di sedano – corrispondono circa alla metà di un cespo di sedano

Cuciniamo

  1. Lavare e asciugare le foglie di sedano.
  2. Frullare tutti gli ingredienti insieme.
  3. Servire il pesto con uno o due cucchiai di olio sopra al pesto per renderlo lucido.

Se utilizzi il pesto di sedano arachidi e pomodori secchi per condire la pasta ti consiglio di aggiungere dell’acqua di cottura per renderlo più cremoso, io ne ho aggiunto un mestolo.

Buon Appetito!!

Pasta con pesto di sedano arachidi e pomodori secchi

Polpette vegetariane senza glutine di fagioli cannellini, broccolo e zucchine

Oggi ti propongo delle polpette vegetariane senza glutine di fagioli cannellini, broccolo e zucchine. Le polpette sono un ottimo metodo per preparare un piatto per le cene o pranzi con parenti e amici, si possono preparare prima e piacciono a tutti piccoli e grandi.

A me piace servire queste polpette vegetariane di fagioli cannellini broccolo e zucchine, con una salsa yogurt di cui ti lascio la ricetta in fondo al post oppure con un ragù di verdure.

Questa ricetta prevede l’utilizzo del torsolo del broccolo che è molto saporito, ma spesso per molte ricette viene scartato.

Questa è una ricetta che nasce senza sale aggiunto, se vuoi puoi aggiungere il sale a piacere, ma ti consiglio prima di assaggiare l’impasto.

Polpette vegetariane senza glutine di fagioli cannellini, broccolo e zucchine

Lista per la spesa

  • 500 g di cannellini cotti
  • Il torsolo di un broccolo
  • 1 zucchina grande
  • 80 g di formaggio grattugiato
  • 1 uovo
  • 1/2 cucchiaino di dado vegetale granulare – qui trovi la mia ricetta
  • Prezzemolo q. b.
  • 4- 6 fette di pan bauletto a seconda della dimensione – il mio era piccolo e senza glutine
  • Farina di polenta q. b.
  • 1 filo d’olio per la cottura

Cuciniamo

  1. Lessare il torsolo del broccolo tagliato a dadini e farlo freddare dopo averlo scolato.
  2. Nell’acqua del torsolo lessare la zucchina sempre tagliata a dadini, scolarla bene.
  3. Frullare i fagioli con il torsolo del broccolo l’uovo il dado vegetale granulare e il prezzemolo. Spostare il composto in una capiente ciotola.
  4. Frullare metà delle zucchine tiepide con il parmigiano, quindi aggiungerle ai fagioli frullati.
  5. Il resto della zucchina frullarlo con il pane e spostarlo nella ciotola con il composto.
  6. Amalgamare bene e lasciar riposare l’impasto per almeno 30 minuti. Durante il tempo di riposo il composto si compatterà.
  7. Dopo il riposo il composto sarà molto compatto, se così non fosse aggiungere all’impasto della farina di mais (farina per polenta molto fine). Dopo aver incorporato la farina lasciar riposare per circa 10 min.
  8. Versare in una ciotola della farina di polenta, bagnarsi le mani e formare le polpette dandogli una forma approssimativa.
  9. Una volta finito di fare le polpette, ricominciare da capo passando la prima polpetta, andando avanti fino all’ultima, nella farina di polenta definendone la forma. Io le ho fatte a sfera e l’ho schiattate sui lati, attendo una forma cilindrica.
  10. Disporre le polpette sulla carta forno e passarvi sopra un filo d’olio evo.
  11. Cuocere in forno a 180° per 30 minuti.
  12. Servire calde o fredde.

Le mie polpette risultano crepate in superficie perché le ho lasciate nel forno caldo a fine cottura, ma nonostante le crepe erano buonissime.

Per gustare le polpette al meglio puoi preparare un ragù di verdure in cui tuffare le polpette o in alternativa una salsa yogurt.

La salsa yogurt si prepara velocemente mescolando assieme

  • 1 vasetto da 125 g di yogurt al naturale
  • 1 cucchiaio di senape di Digione (io uso quella con grani)
  • Prezzemolo tritato a piacere
  • 1 pizzico di aglio in polvere
  • Sale q. b.

Buon Appetito!!

Polpette vegetariane senza glutine di fagioli cannellini, broccolo e zucchine
Polpette vegetariane senza glutine di fagioli cannellini, broccolo e zucchine

Burger di lenticchie vegetariani

Le lenticchie sono buonissime, ma spesso farle mangiare ai bambini piccoli non è facile, così nascono i miei burger di lenticchie vegetariani, apro il frigorifero e cerco ingredienti che possano creare il giusto mix di sapori per polpette, polpettoni o burger. 

Questi burger di lenticchie vegetariani sono con salsa di pomodoro e doppio concentrato o di pomodoro senza uova.

Lista per la spesa per 4/5 persone

  • 200 g di lenticchie secche o 400 g cotte
  • 50 g di passata di pomodoro (con il sugo di verdure sono ancora più buoni)
  • 20 g di concentrato di pomodoro (io doppio)
  • 50 g di Parmigiano Reggiano io stagionato 13 mesi
  • 30 g di formaggio fresco a pasta filata tipo Galbanino
  • 5-6 foglie di basilico fresco
  • 1 spicchio aglio 
  • Erba cipollina a piacere
  • 2 cucchiai di olio evo + quello per la cottura
  • 3 cucchiai di pan grattato – io il mio aromatizzato per la ricetta clicca qui
  • Acqua di cottura delle lenticchie q. b. se necessaria solo l’occorrente per frullare gli ingredienti

Cuciniamo

  1. Lessare le lenticchie, se si utilizzano quelle già cotte sciacquarle bene.
  2. Frullare tutti gli ingredienti tranne il pan grattato, se il composto dovesse risultare troppo duro aggiungere dell’acqua (con l’acqua di cottura delle lenticchie i burger risultano sicuramente più saporito e nutriente).
  3. Bagnarsi le mani.
  4. Dividere l’impasto in 8-10 palline.
  5. Da ogni pallina ricavare un burger, quindi cuocerli in una padella antiaderente.
  6. Servire caldi.

Trucco furbo: per dare la forma all’impasto dei burger se non hai lo strumento apposito, usa un coppapasta tondo e il batticarne che dovrai utilizzare all’interno del coppapasta schiacciando l’impasto precedentemente inserito. Unica accortezza ricordati di oleare la superficie del batticarne e l’interno del coppapasta, per evitare che l’impasto si attacchi ai due strumenti da cucina.

Prova lo stesso impasto per preparare le polpette o un polpettone, sentirai che bontà.

Buon Appetito!!

Ricetta svuotafrigo: Parmigiana di zucchine senza frittura in padella

La parmigiana di zucchine è una variante della classica e più tradizionale parmigiana di melanzane, si prepara in pochissimo tempo ed è veramente buona e gustosa e di sicuro successo

Pochi ingredienti come zucchine, mozzarella, formaggio grattugiato, basilico e ragù di carne, quando devi consumare le zucchine e in frigo hai del ragù avanzato, o la mozzarella è prossima alla scadenza questa ricetta è perfetta. Come tutti i tortini ha il vantaggio di essere preparato con largo anticipo, anzi se preparata il giorno prima è ancora più buona, si può preparare sia in forno che in padella. Oggi ti propongo una versione in padella, se utilizzi poche piccole accortezze come un timer e un coperchio (meglio se di vetro per controllarne la cottura) vedrai che la parmigiana si cuoce da sé e non devi nemmeno seguirla più di tanto.


Il risultato nella consistenza è molto simile ad una parmigiana di melanzane. Questa versione della parmigiana di zucchine è light e veloce senza frittura e senza grigliare le zucchine, i tempi di preparazione si riducono al taglio delle zucchine della mozzarella e alla disposizione degli ingredienti nella padella prima della cottura.

Lista per la spesa

  • 300 g di zucchine
  • 2 mozzarelle da 100 g tagliate a cubetti (io a basso contenuto di sale e grassi)
  • Parmigiano Reggiano grattugiato a piacere (io stagionato 13 mesi)
  • Ragù di carne
  • 4 -5 Foglie di basilico
  • 2 cucchiai di Olio evo
  • Sale q. b.

Per questa ricetta ho utilizzato un ragù di carne, se preferisci provala con un ragù di verdure tritate che avevo in frigo o un sugo semplice.

Cuciniamo


  1. Lavare e mondare le zucchine quindi tagliarle.
  2. Tagliare la mozzarella a dadini.
  3. Versare l’olio nella padella assieme a 2 cucchiai di ragù spalmando entrambi gli ingredienti fino a coprire tutta la superficie del fondo della padella.
  4. Disporre le rondelle di zucchine in modo ordinato su tutto il fondo della padella, ricoprirle in sequenza con il ragù, la mozzarella, il formaggio grattugiato infine il basilico spezzettano a mano.
  5. Ripetere l’operazione finché non finiscono le zucchine, quindi completare l’ultimo strato col ragù e i dadini di mozzarella rimasti per ultimo spolverizzare con il Parmigiano.
  6. Cuocere la Parmigiana di zucchine coprendo la padella con un coperchio, per almeno 40 minuti a temperatura medio bassa.
  7. Controllare la cottura della parmigiana di zucchine, se necessario continuare la cottura.
  8. Se dovesse risultare liquida alzare la temperatura, il risultato deve essere come quello in foto.
  9. Servire calda.

Io ho utilizzato una padella da 24 cm.

Puoi tritare la mozzarella, per distribuirla su tutta la superficie più agevolmente.

Cuocendo la parmigiana di zucchine in padella di consiglio di tagliare le zucchine a rondelle per disporle più agevolmente nella padella.


Buon Appetito!

Cavolfiore gratinato con cavolini di Brouxelles e Emmental

Le ricette per cucinare al meglio il cavolfiore sono davvero infinite, ma fra tutte i cavolfiori gratinati è il modo più goloso per mangiarli. Non c’è bisogno però di acquistare il cavolfiore solo per farlo gratinato, puoi utilizzare anche l’avanzo del giorno prima, aggiungendo dei cavolini di Brouxelles un po’  di formaggio e della besciamella, ecco che da avanzo diventa una vera e propria ricetta protagonista della tua tavola.

Se hai del cavolfiore lessato e non sai come utilizzarlo perché non hai voglia della solita insalata, il cavolfiore gratinato con cavolini di Brouxelles e Emmental  è la ricetta che ti consentirà di svuotare il frigo e avere un piatto molto gustoso allo stesso tempo.

Con queste quantità viene un piccolo sformato, la pirofila in pirex che vedi in foto non è grandissima è 12 x 16 cm.

Lista della spesa

  • 1/2 cavolfiore lessato di cui 1/3 frullato
  • Circa 20 cavolini di Brouxelles
  • 50 g di Emmental tagliato a cubetti
  • 1 cucchiaio Olio evo
  • Aglio e cipolla in polvere, prezzemolo essiccato a piacere
  • 1 noce di burro (non di più)
  • Formaggio grattugiato q. b. – io parmigiano
  • Pan grattato q. b. – io senza glutine
  • Sale – io non l’ho messo
  • Pepe a piacere

I cavolini di Brouxelles non li peso mai, trovo molto più divertente e veloce contarli

Puoi sostituire l’emmental con il formaggio che preferisci, provalo con la provola o una toma piemontese. Io non l’ho aggiunto, ma puoi pepare il piatto a piacere per donargli un gusto più vivace.

Per la besciamella

  • 1 noce di burro
  • 20 g di farina – io di riso
  • 200 g di latte – io scremato
  • Noce moscata q. b.
  • Sale – io non l’ho messo

Cuciniamo

  1. Frulla 1/3 del cavolfiore e condiscilo con olio, aglio, cipolla e prezzemolo quindi accantonalo per il momento.
  2. Mondare e lavare i cavolini di Brouxelles tagliarli a metà e lessarli, quindi scolarli.
  3. Nel frattempo far sciogliere la noce di burro in una padella e trasferirvi il cavolfiore frullato e condito col resto del cavolfiore e i cavolini di Brouxelles, far saltare e insaporire per qualche minuto, aggiustare di sale.
  4. Spegnere il fuoco. Far freddare e aggiungere l’emmental tagliato a cubetti, mescolando per amalgamare.
  5. A parte prepara la besciamella. Sciogliere la noce di burro aggiungervi la farina e la noce moscata, mescolare per incorporare gli ingredienti.
  6. Versare a filo il latte, aggiungere il sale e cuocere a fuoco dolce finché non si addensa, ora la besciamella è pronta.
  7. Aggiungere un cucchiaio di besciamella ai cavolfiori con i cavolini di Brouxelles e mescolare.
  8. Quindi trasferirli in pirofila da forno ricoperta di carta forno.
  9. Quindi ricoprire con la restante besciamella spolverizzare di pangrattato e poi di formaggio grattugiato.
  10. Portare il forno a 180° e infornare. Quando si forma la crosticina in superficie spegnere il forno.
  11. Se dovesse essere necessario attivare la funzione grill finché non si forma la crosticina.
  12. Servire caldo.

Per disporre in modo ottimale la carta forno nelle pirofila, ti consiglio di bagnarla e strizzarla bene. Sarà più facile disporre gli alimenti in modo omogeneo nello stampo.

Buon Appetito!!