Ciambellone tricolore con estratto di vaniglia

Il ciambellone bicolore al cioccolato è uno dei dolci della tradizione italiana che più ricordano i bei momenti passati in famiglia. Il ciambellone in particolare quello bicolore è uno dei classici dolci per la colazione o la merenda.

Mi domando se anche a te come a me il ciambellone in particolare quello bicolore ricorda l’infanzia e i dolci della domenica e per la precisione la torta variegata della nonna?Eppure ricordi a parte la ricetta di oggi non è un ciambellone bicolore bensì o la torta variegata della nonna anche se ci avvicina molto. La ricetta di oggi è un ciambellone tricolore con un gusto differente per ognuno dei tre colori.

Questa ricetta è per un ciambellone soffice e morbido adatto ad ogni momento della giornata con un sapore differente ad ogni fetta. Come ti ho anticipato questo quando si mangia questo ciambellone si assaggiano tre gusti differenti fra l’altro tutti con un elemento in comune che è la vaniglia.

  • La prima parte è bianca, semplice ma molto gustosa.
  • La seconda con l’orzo solubile ha un gusto differente dal solito, ma davvero buonissimo.
  • La terza col cacao amaro ricorda molto una tavoletta di fondente.
Ciambellone tricolore nella tortiera della Paneangeli

Per questo ciambellone ho usato il bellissimo stampo che ho vinto partecipando al concorso della Paneangeli La magia ti premia, è arrivato a casa da poco tempo e l’ho voluto subito utilizzare con questa torta che è risultata davvero buonissima.

Per questa torta tricolore ho preferito preparare gli impasti separatamente in modo da avere le dosi precise per ogni colore.

Lista per la spesa

Impasto bianco

  • 1 uovo
  • 50 g di zucchero
  • 20 g di burro
  • 5 g di lievito
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia
  • 100 g di farina di tipo 2
  • 40 g di latte + 20 g di acqua
  • 10 g di farina di riso o fecola di patate

Impasto medio

  • 1 uovo
  • 50 g di zucchero
  • 20 g di burro
  • 5 g di lievito
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia
  • 100 g di farina di tipo 2
  • 40 g di latte + 20 g di acqua
  • 10 g di orzo solubile

Impasto scuro

  • 1 uovo
  • 50 g di zucchero
  • 20 g di burro
  • 5 g di lievito
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia
  • 100 g di farina di tipo 2
  • 40 g di latte + 20 g di acqua
  • 10 g di cacao amaro

Zucchero a velo q. b. per spolverizzare la superficie del ciambellone

Io ho utilizzato una farina di tipo 2 per questo ho utilizzato molti liquidi per rendere l’impasto più soffice da lavorare. Se utilizzi una farina più raffinata versa i liquidi poco per volta per evitare di avere un impasto troppo liquido.

Ciambellone tricolore sofficissimo e morbido

Cuciniamo

Il burro deve essere morbido per poterlo lavorare bene, per questo motivo va tirato fuori dal frigo con almeno 30 minuti di anticipo. Il mio consiglio è quello di pesare le tre porzioni di burro e di riporre il restante in frigo, dopo aver imburrato lo stampo.

Il procedimento di preparazione dell’impasto è  lo stesso per tutti e tre i colori dell’impasto, per questo motivo lo scrivo solo una volta.

  1. Montare il burro con lo zucchero l’uovo e l’estratto di vaniglia.
  2. Aggiungere il lievito e la farina mescolando continuamente ed infine prima il latte poco per volta e per ultima l’acqua.
  3. Continuare a montare finché il composto non risulta ben omogeneo. Più monti l’impasto più incorpora aria e più diventa soffice.
  4. Dopo aver preparato tutti e tre gli impasti portare il forno alla temperatura di 180° in modalità statico e imburrare lo stampo per ciambelloni.
  5. Io ho versato tutti e tre gli impasti sul fondo dello stampo, ma puoi versarli con la modalità che preferisci così da renderlo variegato creando dei giochi di colore e sapore una volta tagliata la fetta.
  6. Una volta versati gli impasti nello stampo informare infornare e cuocere per 30 minuti.
  7. A questo punto fare la prova stecchino, se superata spegnere il forno e lasciare il ciambellone in forno chiuso e spento se si vuole far dorare un po’ la superficie.
  8. Quindi sfornare e sformare.
  9. Se lo stampo come nel mio caso è decorato sul fondo rovesciarlo prima di spolverizzato a piacere di zucchero a velo.
  10. Servire freddo.

Buon Appetito!!

Ciambellone tricolore

Torta di fagioli e cacao se la mangi te ne innamori!

La torta di fagioli è un dolce speciale e fuori dal comune, che ti stupirà per sapore e morbidezza, i fagioli donano alla torta una morbidezza davvero sorprendente. Inizialmente ero convinta che fare un dolce con i legumi in particolare con i fagioli fosse una missione impossibile, in realtà quando ho deciso di cimentarmi dopo aver letto decine di ricette di cui molte vegane, i risultati sono stati molto interessati oltre che gustosissimi! È già da qualche anno che preparo i dolci con i legumi, e il risultato è davvero strepitoso, i dolci risultano gustosi e sofficissimi, sembra quasi di addentare una nuvola. E devo dire che il commento di tutti è unanime “la torta è buonissima, non sembra nemmeno che ci siano i fagioli”. Quella di oggi è una torta di fagioli neri e cacao, da quando ho scoperto i fagioli come ingredienti per i dolci devo dire che li uso spesso, a mia figlia piacciono molto, come del resto a tutti coloro molto che si siedono alla mia tavola, una volta superato lo scetticismo iniziale. Ormai ho imparato con i più tradizionalisti a svelare solo dopo l’assaggio della fetta di torta l’ingrediente segreto legumoso!! 😉

Lista della spesa

Torta di fagioli neri e cacao
Torta di fagioli neri e cacao

Preparare questo dolce come hai letto dal procedimento non è solo veloce è anche semplicissimo, a noi è piaciuta moltissimo, tant’è che la faccio spesso soprattutto in inverno.
Io non ho farcito la torta, volendo puoi utilizzare la farcitura che più desideri, in abbinamento con la confettura di pesche o albicocche è perfetta, ma anche con la panna montata è fantastica. Effettivamente è un dolce che si presta a vari utilizzi dalla colazione al dessert passando per la merenda, senza tralasciare il fatto che è una anche torta senza glutine!

Lista della spesa

  • 300 g di fagioli neri cotti
  • 30 g di cacao amaro
  • 100 g di latte scremato
  • 1 bustina di lievito
  • 3 uova
  • 30 g di olio di semi di girasole
  • 160 g di zucchero
  • 100 g di farina di riso
  • 50 g di amido di mais

Cuciniamo

Per prima cosa bisogna frullare i fagioli neri, devi ottenere una crema liscia. Io ho utilizzato il frullatore a immersione a cui ho aggiunto gli altri ingredienti continuando a frullare finché non si sono completamente amalgamati. Nel frattempo ho acceso il forno e l’ho portato alla temperatura di 190°. Ho unto una tortiera da 24 cm (la mia è una padella senza manici che può essere utilizzata anche in forno). Ho trasferito l’impasto nella tortiera e l’ho cotto per 28 minuti, quindi ho spento il  forno e ho lasciato la torta in forno per altri 10 min. Poi fatta la prova stecchino ho sfornato la torta che va servita fredda o leggermente tiepida.

Buon Appetito!!

Dolci per la colazione: il plumcake di farro

Plumcake di farro perfetto per la colazione
Plumcake di farro perfetto per la colazione

La farina di farro dona a questo plumcake il caldo color nocciola e l’aspetto rustico, vedendolo mi ricorda le belle colazioni che passavo nella mia amata Umbria. È un dolce perfetto per la colazione poiché risulta molto saporito e soprattutto è adatto all’inzuppo. 😀 Si lo so non è molto chic, ma cosa c’è di meglio che inzuppare una fetta di plumcake nel caffellatte la mattina appena svegli? 😉

Inoltre cosa da non trascurare assolutamente il plumcake di farro, oltre ad essere semplice e veloce da preparare, si presta anche come base perfetta per altri dolci.

Ma sai da cosa deriva il nome Plumcake? Questo è un dolce di origine inglese a base di farina, uova, zucchero e burro. Spesso ha l’aggiunta di spezie e liquori ed è arricchito con frutta secca oppure candita. In Inghilterra viene servito a fette assieme al tè delle cinque. Anticamente in Inghilterra come ingrediente di questo dolce si usavano le prugne secche, da qui il suo nome plum (prugne) cake ( torta o dolce) o plumcake. Nei paesi anglosassoni oggigiorno il plumcake è chiamato fruitcake, mentre il nome plum cake negli Stati Uniti è utilizzato per le torte alle prugne.

Lista della spesa

 

Cuciniamo

Montare le uova con lo zucchero nella planetaria, aggiungere il lievito e la farina a cucchiaiate dopo averla setacciata, quindi il burro ammorbidito spezzettandolo con le mani, a questo punto aggiungere l’acquavite e l’acqua.

Accendere il forno nella funzione statico e portarlo a 170°

Nel frattempo imburrare uno stampo da plumcake grande (io ne ho usati due piccoli) infarinarlo e versare il composto nello stampo, infornare per 25/30 minuti, fare la prova stecchino prima di sfornare il plumcake.

Togliere il dolce dallo stampo e farlo freddare su una gratella

Buon Appetito !!

Una curiosità sul Geist di Lamponi

Waldhimbeergeist

Nota olfattiva: Fruttata
Gusto: Amabile
Descrizione organolettica: lamponi
Abbinamenti: cioccolato fondente, formaggi freschi e delicati, caffè
Occasione: Classico, Fine Pasto
Premi vinti: 2010 ISW – Intern. Spirituosen Wettbewerb – Silber    2009 ISW – Intern. Spirituosen Wettbewerb – Gold   2009 Concorso internazionale Acquaviti d’oro – Silver   2005 ISW – Intern. Spirituosen Wettbewerb – Silber
Gradazione: 40°
Invecchiamento: 1 anno in recipienti inox Temperatura di servizio: 5°C

Ciambellone al cacao all’acqua con pepe, cannella e confettura

La torta al cacao è un dolce adatto ad ogni occasione, che sia per una festa o semplicemente per regalarsi una coccola. Se poi c’è una nota piccante nella torta al cacao è anche più buona.

Questo dolce ha una particolarità è l’acqua, perfetto per chi è intollerante al lattosio, infatti non contiene latticini ed è adatto anche a chi vuole mantenersi leggero. Il gusto ricorda quello dei brownies.

Domanda: a chi piacciono i brownies? Beh la risposta è facile : a tutti 😉

Il procedimento è quello della “Torta Nua”, ma io al posto della crema ho utilizzato la confettura di pesche, una confettura che avevo preparato con mandorle e limone. Per ottenere lo stesso mio sapore basta aggiungere alla confettura di pesche due cucchiai di mandorle tritare e qualche goccia di limone.
Ho preparato questa torta anche con la mia crema di banane e limoni, davvero deliziosa in questa versione 😀

Lista della spesa per 8 la torta

  • 200 gr di farina manitoba – nella versione con la crema di banane l’ho sostituita con la farina di farro
  • 40 gr di amido di mais
  • 60 gr di cacao in polvere amaro
  • 140 gr di zucchero di canna
  • 3 uova
  • 200 ml di acqua
  • 80 ml di olio di semi
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino da tea di pepe nero macinato
  • la punta di cucchiaino da tea di cannella in polvere
  • Burro e farina per lo stampo q. b.
  • zucchero a velo q. b.

Lista della spesa per la farcitura

  • 1/2 barattolo di confettura di pesche
  • 2 cucchiai di mandorle tritate
  • qualche goccia di succo di limone

Cuciniamo

  1. Setacciare il cacao la farina e il lievito, quindi trasferire tutti gli ingredienti tranne la confettura di pesche le mandorle e il succo di limone nel cestello della planetaria e montare per 5-10 minuti.
  2. Accendere il forno e portarlo a 160°.
  3. Imburrare e infarinare uno stampo per ciambellone.
  4. In una ciotola unire la granella di mandorle col limone e la confettura e amalgamarli.
  5. Versare metà impasto nello stampo e aggiungere la confettura a cucchiaiate lungo tutto il giro dello stampo.
  6. Versare sopra il restante impasto e livellare agitando delicatamente lo stampo, non sbatterlo su piano di lavoro.
  7. Infornare per 40 minuti. Fare la prova stecchino, se la torta è cotta, spegnere il forno e lasciare la torta in forno, con lo sportello aperto, per 2/3 minuti.
  8. Sfornare e far freddare nello stampo, quando è tiepida togliere la torta dallo stampo.
  9. Quando è completamente fredda spolverizzare con lo zucchero a velo.
  10. Servire

Ricorda di spolverizzare la torta con lo zucchero a velo poco prima di servila, altrimenti lo zucchero verrà assorbito e risulterà molto lucida. Volendo si può spolverizzare due volte, la prima appena fredda e la seconda poco prima di servirla. Il sapore potrebbe risultare più dolce.

Buon Appetito!!

Torta al limone e fiocchi d’avena, perfetto per la tua colazione!

Torta al limone e fiocchi d'avena con un buonissimo mix di farine
Torta al limone e fiocchi d’avena con un buonissimo mix di farine

Le ricette per preparare le torte della colazione e la merenda non bastano mai, e si è sempre alla ricerca di ricette nuove e gustose e nutrienti, la torta al limone e fiocchi d’avena è un mix di farine dal sapore semplice ma molto gustoso. Non so a voi, ma a me capita regolarmente di avere nella dispensa dei rimasugli di farine nei barattoli di vetro.

Io tengo tutte le mie farine nei barattoli di vetro si mantengono meglio e durano di più 😉

 

Lista per la spesa

  • 3 uova
  • 180 gr di zucchero
  • 160 gr di olio di semi di girasole
  • 100 gr di latte
  • 55 gr di succo di limone fresco o il succo di un limone intero
  • 80 gr di farina di Monococco Shebar – io Tradizioni Padane
  • 80 gr di farina di Segale
  • 80 gr di farina di Riso
  • 60 gr di farina 00
  • 30 gr di fiocchi di Avena
  • La scorza grattugiata di un limone
  • 1 bustina di lievito per dolci – io senza vaniglina
  • 1 pizzico di bicarbonato
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna

 

Cuciniamo

  1. Montare le uova con lo zucchero e la scorza grattugiata del limone.
  2. Aggiungere il bicarbonato e il lievito.
  3. Aggiungere le farine, l’olio, il latte e il succo di limone.
  4. Accendere il forno e portarlo a 170°.
  5. Versare il composto nello stampo dopo averlo imburrato ed infarinato, io ho utilizzato uno stampo in silicone quindi ho omesso questo passaggio.
  6. Spolverizzare la superficie del dolce con i fiocchi l’aveva e lo zucchero di canna.
  7. Infornare e cuocere per 40 minuti.
  8. Sfornare dopo la prova stecchino, e togliere dallo stampo dopo qualche minuto.

 

TRUCCO PER CHI USA GLI STAMPI AL SILICONE: Per un dolce cotto a puntino con lo stampo al silicone, utilizza la funzione forno statico con una cottura a 170°, poggia lo stampo su una teglia dalla superficie piena e non sulla grata, forma quei brutti vuoti nel dolce. 40 minuti è un tempo generalmente sufficiente per la cottura di un dolce al silicone, ma ricorda di fare sempre la prova stecchino.

 

Buon Appetito!!